.
Annunci online

Link

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte


"Uno sceso dalla montagna con la piena"




"E' solo un blog: sboccato, sconclusionato, culturalmente e psicologicamente border line"










Questo blog esiste per colpa di:


 Beppe


Tonino


















Invadeteci!
Per favore!

















Questo blog è una cagata pazzesca, ma nonostante ciò non è una testata giornalistica. Bla bla bla bla bla


politica interna
Tranquillo tranquillo, comodo comodo
21 febbraio 2008

Quarant’anni di DC, poi un gran quarantotto. La soluzione era il maggioritario, il bipolarismo, le alleanze certe. Fatto, ma la Seconda Repubblica, per quel pezzettino che ne ho vista io, non m’è parsa granchè. La soluzione è banale, sta tutta nella legge elettorale – così almeno mi dicono, ed io son troppo ignorante per non crederci - perché abbiamo un parlamentarismo che di fatto si può superare senza toccar la Costituzione. E’ tutta una questione di sistema, di regole: la legge elettorale ponga rimedio al multipartitismo esasperato, si considerino le generalizzate tendenze alla personalizzazione della politica ed all’aumento di peso del Governo, e ci troveremo due partiti moderati, moderni e riformisti come in Inghilterra. Con la destra a far riforme liberali in economia, e la sinistra ""nel sociale""; al passaggio, l’una non tocca le riforme liberali dell’altra. Così mi dicevano. Bello, figo. Così io m’aspettavo cinquant’anni tranquilli tranquilli, a votare una volta di qua ed una di là, comodo comodo – il grande inganno liberale a tutti voi destri e sinistri. E poi, l’inaspettato: di loro iniziativa, due partitoni si costituiscono e si liberano delle estreme – anche delle estreme cattoliche. Bello, figo, fatto, tutto sistemato.
Tra quale scelgo, per iniziare, dei due partiti moderati, moderni e riformisti?
Partito Democristiano o Partito Democristiano Liberticida? E no, cazzo, qualcosa non torna.
Fondamentali sono le regole, certo, ma mi viene il sospetto che anche le persone e le idee abbiano, come dire?, una qual certa importanza. Perché sarà questione di sistema - il proporzionale tedesco, il gabinetto inglese (cioè senza il bidet), il semi-presidenzialismo francese – ma io mi sto convincendo sempre più il che il grosso problema della politica italiana sia, appunto, che la fanno gli italiani.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pd elezioni pdl

permalink | inviato da nomedelblog il 21/2/2008 alle 0:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
politica interna
Prodi ha ragione
16 ottobre 2007

La politica italiana è vecchia e stantia. E' una banalità, ma è vera.
E poi, questa stessa plitica mette in moto la bella cosa delle primarie. Apre un poco le porte, insomma. Forse per voglia sincera di rinnovamento; forse, più probabilmente, per timore della cosiddetta "antipolitica".
E cosa succede? I voti della gente rispecchiano, ne' più ne' meno, le divisioni dei partiti: i ds più qualche margherito per Veltroni, qualche margherito per la Bindi e qualcheduno in meno per Letta. Adinolfi? Niente. E dire che - discutibile fin che si vuole, non lo nego - qualcosina aveva pur mosso in questi anni. Gawronski? Niente di niente. E dire che è una persona seria, competente, con un programma chiaro e coerente con una parte (spero) non marginale del prossimo PD. Prodi in vent'anni ne ha detta una sola di giusta: "La gente non è meglio dei suoi politici".


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. prodi pd primarie

permalink | inviato da nomedelblog il 16/10/2007 alle 9:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
POLITICA
La realtà è sotto gli occhi di tutti, ma c'è un fracco di gente affetta da cecità psicosomatica
24 settembre 2007

Girare per blog, leggere quello che "il pd è il partito delle persone intelligenti e oneste", e allontanarsi incazzati dal pc. In questa mattinata pigra e inutile mi rallegro poi dello scovare in tv quel Celestini che racconta storie correndo dietro al filo degli eventi come fosse una telecronaca, come faceva nonno e come le storie andrebbero raccontate. E inizia con "Io sono comunista perchè il comunismo non è mai esistito": qui la disonestà verso la realtà assurge al livello di insulto alla memoria, e la mia incazzatura a disgusto. Ritornanto al computer, Phastidio m'informa d'un libro di denuncia (senza sociale. Perchè la denuncia deve essere "sociale"? Cos'è, un bollino rosso per averne l'esclusiva? Concretamente, che cazzo vuol dire?) sulle Coop. Niente di nuovo sotto il sol dell'avvenire. Nella mia città ne hanno appena aperta una grandissima; ci si fa spesa molto bene, ed ha un parcheggio enorme, ma tanto enorme che da quelle parti lo svincolo (e le due conseguenti corsie d'accesso alla tangenziale dalla parte della campagna) non servono più. Erano anni che zio s'aspettava di trovarsele sopra la terra come una grossa croce, e adesso non servono più. Il suo podere non sarà cancellato dalla temibile X. Grazie, Coop.
Chi, finora, ha letto il post come un "comunisti paura mangiano bambini aiuto brutto brutto brutto", non ha capito un cazzo. Tanto per far un esempio, lottizzatori e maneggioni come l'assessore della Lega responsabile dei fatti di sopra, se ne son visti pochi. La Coop siamo noi. Disonesti, approfittatori, merdacce fresche di immbelletamento. Tutti uguali, ma qualcuno uguale più degli altri e convinto - convinto davvero - della propria superiorità morale. Il partito delle persone oneste. Ma vaffanculo
.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pd comunismo coop suzukimaruti

permalink | inviato da nomedelblog il 24/9/2007 alle 10:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
politica interna
Incredibili rivelazioni
1 agosto 2007

Letta avrà un gravissimo attacco di calvizie che lo costringerà a letto; la Bindi si opererà e poi si farà frate di clausura; Colombo diventerà il più anziano kamikaze islamico del mondo per difendere i valori di libertà e democrazia americani; Pannella e Di Pietro fonderanno un nuovo partito giustizial-garantista per dimostrare che diverse culture politiche possono coesistere, ma poi si uccideranno a colpi di discorsi durante il primo congresso, lascinado tramortiti tutti i ventisette militanti presenti; Adinolfi verrà affossato da malignerie appositamente diffuse (si insinuerà che è il figlio segreto di Giuliano Ferrara); gli altri si ritireranno in cambio di un posto da parlamentare fra tre legislature (per non suscitatare sospetti).  Restaranno due alternative: votare Veltroni o non avere capito un cazzo.

(L'elezione del papa è più libera. Così come Berlusconi non è liberale solo perchè ripete ossessivamente "libertà", quelli la' non è che, a salmodiare come fosse un mantra la parola "democratico", perdono il clericalismo comunista. Questione di imprinting)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pd primarie

permalink | inviato da nomedelblog il 1/8/2007 alle 10:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
gennaio        marzo